JazzyNight – Standardtrio in concerto

Teatro Comunale di Cesenatico
Sabato 21 febbraio 2015 ore 21.00

JazzyNight – Standardtrio in concerto

StandardtrioLa serata, fortemente voluta da Standardtrio a sostegno della Fondazione La Nuova Famiglia, è patrocinata dalla Consulta per il Volontariato e dal Comune di Cesenatico e sostenuta dalla Fondazione Ca.Risp. di Ravenna e da Coop Adriatica.

 

Standardtrio (Alessandro Gusella al pianoforte, Daniele Sabatini alla batteria e Roberto Bartoli al contrabbasso) nasce nel 2010 nell’orbita del Laboratorio di musica jazz del M° Stefano Fariselli, dove il batterista M° Daniele Sabatani (insegnante di percussioni presso il conservatorio Maderna di Cesena) e il pianista Alessandro Gusella, collaborano come elementi fissi della sezione ritmica. A loro, ben presto, si aggiunge l’amico e contrabbassista Piero Marchiani, jazzista di grande esperienza e già bassista della big band di Enghel Gualdi, con il quale si concretizza la struttura definitiva del gruppo, sia per quanto riguarda i suoi componenti, sia per la scelta del repertorio che spazia in un ventaglio molto ampio dal punto di vista temporale e di genere, distinguendosi, in questo ultimo aspetto, per comprendere un repertorio di musica classica abbinata alle sonorità jazzistiche. Il trio ha poi continuato una propria attività concertistica indipendente proponendo e realizzando numerosi eventi musicali. Sicuramente il gruppo trova la sua migliore espressione musicale nella formazione base (Alessandro Gusella al pianoforte, Daniele Sabatani alla batteria e Piero Marchiani al contrabbasso) cercando di fondere al meglio lo stile eclettico di pianisti come Oscar Peterson alla maggiore introspezione e complessità armonica di jazzisti della scuola di Bill Evans. Il Trio, si è esibito anche in jam sessions con diversi nomi del panorama jazzistico, tra cui si ricordano Villotti, Scala, Bianchetti, Lucchi e altri, e collabora spesso con altri affermati artisti tra cui: il vibrafonista Marco Pacassoni, il clarinettista Roberto Babbini, il sassofonista Stefano Fariselli, e, ormai da anni, ha consolidato una fruttuosa collaborazione con la vocalist ravennate Paola Fabris, sicuramente oggi, nel panorama italiano, la jazz singer maggiormente considerata dalla critica musicale.

Irene Robbins e Alessandro Scala saranno ospiti della serata che presenta una scaletta che rivisita, in un vasto arco temporale, alcuni dei famosi evergreens che hanno reso celebre questo genere musicale, alternando ritmi di swing e ballad a ritmi sudamericani, latin e bossa, nella migliore tradizione jazzistica.

Teatro Comunale di Cesenatico Sabato 1° febbraio 2014 ore 21.00

manifestoStandardtrio è un gruppo jazzistico ormai consolidato da anni nato nell’orbita del Laboratorio jazzistico del M° Stefano Fariselli, presso il quale i 3 componenti costituivano la sezione ritmica a sostegno delle esecuzioni degli allievi.

Ha poi continuato una propria attività concertistica indipendente proponendo e realizzando numerosi eventi musicali. Sicuramente il gruppo trova la sua migliore espressione musicale nella formazione base (Alessandro Gusella al pianoforte, Daniele Sabatani alla batteria e Piero Marchiani al contrabbasso) cercando di fondere al meglio lo stile eclettico di pianisti come Oscar Peterson alla maggiore introspezione e complessità armonica di jazzisti della scuola di Bill Evans. Il Trio, si è esibito anche in jam sessions con diversi nomi del panorama jazzistico, tra cui si ricordano Villotti, Scala, Bianchetti, Lucchi e altri, e collabora spesso con altri affermati artisti tra cui: il vibrafonista Marco Pacassoni, il clarinettista Roberto Babbini, il sassofonista Stefano Fariselli, e, ormai da anni, ha consolidato una fruttuosa collaborazione con la vocalist ravennate Paola Fabris, sicuramente oggi, nel panorama italiano, la jazz singer maggiormente considerata dalla critica musicale.

Per l’occasione, lo Standardtrio, oltre alla Sig.ra Fabris, si avvale della collaborazione del vibrafonista e compositore Saverio Tasca, professionista di rinomata e brillante carriera, sicuramente uno dei jazzisti più validi che il panorama italiano può offrire in questo momento.

La serata presenta una scaletta che rivisita, in un vasto arco temporale, alcuni dei famosi evergreens che hanno reso celebre questo genere musicale, alternando ritmi di swing e ballad a ritmi sudamericani, latin e bossa, nella migliore tradizione jazzistica.